CETRIOLO & CELLULITE

Oggi parliamo delle proprietà funzionali di un vegetale tipicamente estivo: il cetriolo. 

Il titolo di questo articolo è studiato, lo ammettiamo, per catturare un po’ l’attenzione, in quanto la cellulite è un tema molto sentito per tantissime persone, specialmente tra donne e ragazze di un po’ tutte le età, e il cetriolo può sicuramente venire in aiuto; ma quali sono nel dettaglio le sue qualità? 

In verità questo è un potentissimo diuretico, muove moltissimo i liquidi, soprattutto perché è veramente ricco di acque di vegetazione; venendo consumato crudo, questo impatto dell’acqua di vegetazione ha effetto sul nostro corpo proprio come se ci stessimo idratando e riesce a muovere conseguentemente tutto quello che è il discorso dei liquidi; oltre a questo, le sue proprietà primarie sono quelle antinfiammatorie e decongestionanti, quindi di aiuto per il microcircolo capillare.

E’ proprio questo quindi il tema dove si esplicano principalmente le proprietà funzionali del cetriolo, il microcircolo capillare appunto, molto utile non solo sulla cellulite, ma su chi ha delle patologie più serie, come il diabete, dove la fragilità capillare è un tema molto determinante e molto pericoloso. 

Ecco che l’azione di questo vegetale, grazie al contenuto di un principio attivo come l’azulene, tra l’altro contenuto anche nella camomilla, va a compiere un’azione molto importante di aiuto sul microcircolo capillare e quindi essere molto d’aiuto per il discorso della cellulite. 

Voglio dare un esempio non solo di quali sono le proprietà funzionali del cetriolo, ma di come lo possiamo anche combinare, a dimostrazione del fatto che in base a come noi mettiamo poi gli alimenti nel nostro piatto avremo un effetto funzionale di un tipo o dell’altro. 

Ad esempio un’indicazione ideale, per avere un effetto preciso per quello che riguarda il drenaggio della cellulite, potrebbe essere combinare un paio di cetrioli con del pesce, lesso o in padella, combinato con un frutto a scelta tra una pesca bianca o delle fragole. 

Questo tipo di stimolo sarebbe proprio perfetto per quello che riguarda l’azione sulla cellulite, perché è andando a mettere le proprietà del cetriolo insieme a del pesce lesso, che contiene iodio, ma non tanti sali perché li disperde, non implicherebbe quindi un superlavoro renale. La combinazione con la pesca bianca o con le fragole, ricche anch’esse di iodio come il pesce, andrà a dare una forte stimolazione tiroidea, quindi metabolica, senza affaticare troppo le funzionalità renali

Quindi avremo diuresi, avremo azione sul microcircolo capillare e avremo un forte stimolo metabolico. 

Sarebbe diverso se andassimo a mettere dei cetrioli con della bresaola e magari con una pesca gialla. In questo caso avremo l’effetto sul microcircolo dato dall’azulene, ma non un grosso effetto diuretico; ecco quindi che l’effetto finale del pasto non sarà quello desiderato, in quanto mancherà la forte azione diuretica e di stimolazione. 

Perderemo quindi il pacchetto funzionale ideale per stimolare la cellulite.

Ricapitolando le proprietà del cetriolo:

  • diuretico;
  • ottimo come antinfiammatorio;
  • decongestionante ;
  • di aiuto per il microcircolo capillare; 
  • contiene molta vitamina C, vitamina B e tracce di vitamina A. 

Per molti il cetriolo rimane indigesto, probabilmente a causa della quota di cellulosa molto elevata che affatica la digestione e quindi le funzionalità epatiche e pancreatiche. 

Nella nostra pratica clinica abbiamo riscontrato che lasciando per un po’ il cetriolo tagliato trasversalmente, così da avere una superficie di esposizione completa, e mettendoci un po’ di sale si ha l’impressione che si riesca ad estrarre le sostanze che sono contenute in esso e si abbia un effetto di facilitazione molto importante sulla digestione. 

Ancora non sappiamo scientificamente dire il perché, ma sicuramente è efficace per ridurre il senso di fastidio.

Dott. Roberto Talamonti